Smile Sharing

Praticate gentilezza a casaccio e atti di bellezza privi di senso

ESPERIMENTI SOCIALI

Lascia un commento

La gentilezza dovrebbe diventare il modo naturale della vita, non l’eccezione.
(Buddha)

Su youtube ci sono molti esperimenti sociali che sottolineano la diffidenza nei confronti degli estranei, la mancanza di gentilezza, generosità e talvolta anche di educazione. Quanti sono quelli che cedono il proprio posto alle persone più anziane nei mezzi pobblici? Quanti quelli che aiutano le mamme in difficoltà con i passeggini o i turisti con le valige? Quanti quelli che aiutano i passanti più bisognosi con la spesa, ad attraversare la strada e rispondono cortesemente ai venditori ambulanti o ai senzatetto? Eppure sono tutte azioni gratuite che, dette così, ci sembrano rare o addirittura di un’altra epoca. Molti potrebbero rispondere anche “Ma non lo fa nessuno perché devo farlo proprio io?”. E su questa domanda torna in mente l’esperimento di Milgram che nel 1961 tentò di dare risposta ad un suo frequente quesito:

“È possibile che Eichmann e i suoi milioni di complici stessero semplicemente eseguendo degli ordini?”

L’esperimento prevedeva che uno scienziato ordinasse a dei volontari di somministrare una serie di scosse elettriche di intensità crescente ad un altro volontario (che in realtà era un attore, d’accordo con lo sperimentatore, che fingeva dolore) senza mai fermarsi anche qualora quest’utlimo lo avesse supplicato. In pochi si sono ribellati all’autorità dello scienziato alla vista della sofferenza dell’attore, molti, seppur riluttanti, hanno portato a termine l’esperimento fino allo svenimento (sempre finto) dell’attore-volontario.

La stessa domanda di Milgran ispirò “La banalità del male” di Hannah Arendt in cui la scrittrice riprese ed analizzò il tema principale del processo contro il nazista Eichmann durante il quale venne fuori che il male perpetrato da Eichmann – come dalla maggior parte dei tedeschi che si resero corresponsabili della Shoah – fosse dovuto non ad un’indole maligna ma ad una completa inconsapevolezza di cosa significassero le proprie azioni. In sintesi, circa 6 milioni di persone sono state uccise perché “cosi mi hanno detto di fare, non è mia responsabilità né competenza valutare cosa sto facendo”, una frase sentita spesso nel nostro Paese anche nel quotidiano ormai, come se non avessimo più principi ed idee nostre che ci permettano di non essere semplici macchine che eseguono gli ordini ma umani.

Quindi per l’umanità non c’è più speranza? Fortunatamente si.

Non tutti siamo uguali, infatti, e tra noi c’è anche chi di umano non ha mantenuto solo in nome e questi si “nascondo” in persone semplici che “Praticano gesti casuali di gentilezza e atti insensati di bellezza” (Anne Herbert) ogni volta che ne hanno l’opportunità o almeno ci provano. Nessuno è perfetto ma tutti possiamo migliorarci prendendo esempio da chi più di noi si mantiene fedele al proprio lato buono, al di là delle circostanze. Tutti abbiamo un lato buono, va solo volorizzato di più ed espresso più spesso perché per cambiare il mondo bisogna partire da se stessi. Ed è su questo concetto che si basa, invece, La banalità del bene, un libro scritto da Enrico Deaglio che narra della vita di Giorgio Perlasca che salvò la vita a 5000 ebrei ungheresi perché a suo dire:

“L’occasione fa l’uomo ladro, di me ha fatto qualcos’altro… tutti avrebbero fatto la stessa cosa”.

Educati, gentili, coraggiosi, generosi, dunque, non lo si nasce ma lo so diventa imparando a cogliere il momento per poterlo essere. Tra l’altro non c’è bisogno di gesti eclatanti ma di piccole attenzioni che, come dimostrano i seguenti video di esperimenti condotti per strada, creano in chi le riceve uno “spropositato” senzo di gratitudine…

ESPERIMENTO 1: Essere gentili è contagioso

ESPERIMENTO 2: La diffidenza può renderci insensibili senza che ce ne si renda conto

ESPERIMENTO 3: Se vuoi sapere com’è un uomo, guarda bene come tratta i suoi inferiori, non i suoi pari (da Harry Potter e il calice di fuoco)

Allora, siamo pronti a diffondere la gentilezza? 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...